Centro Dati 2018-08-13T14:51:47+00:00

La costituzione di un Centro dati coordinato, con sede presso ANBI Lombardia nasce dalla consapevolezza che le conoscenze, distribuite nei diversi Consorzi, possano essere messe a pieno frutto solo attraverso l’azione di un soggetto unico in grado di interagire con realtà anche molto diversificate, mettendo a fattor comune l’enorme patrimonio di conoscenze dei Consorzi e rispondendo in maniera unitaria a tutte le richieste che ad essi vengono poste.

Il ruolo di protagonisti sul territorio dei Consorzi di Bonifica non può prescindere da una precisa ed approfondita conoscenza del territorio medesimo e dei flussi idrici circolanti, in forme sistematizzate ed organizzate tali da essere pienamente e prontamente fruibili e trasferibili.

Tra le molteplici attività del Centro dati si evidenziano le seguenti:

  • Raccolta e sistematizzazione dei dati riguardanti i sistemi irrigui dei comprensori lombardi, allo scopo di disporre di un quadro completo e costantemente aggiornato sugli usi delle acque, che rispecchi l’unicità e la specificità del territorio lombardo;

  • Supporto nell’aggiornamento delle banche dati regionali e nazionali in tema di irrigazione e salvaguardia idraulica (es. SIBITeR e SIGRIAN);

  • Raccolta dei dati provenienti dalle attività del progetto ISIL e loro gestione attraverso un unico database georeferenziato già disponibile per la consultazione;

  • Gestione del sistema regionale di monitoraggio delle portate irrigue;

  • Attività di supporto nella simulazione modellistica dei fabbisogni irrigui effettuata da UNIMI – DiSAA a diversi livelli di dettaglio (comizio, distretto e bacino idrografico);

  • Attività di supporto ad ARPA Lombardia e Regione Lombardia – DG Ambiente nella predisposizione del bilancio idrico regionale;

  • Promozione e realizzazione di progetti tecnici, scientifici e divulgativi a livello reginale, nazionale ed europeo attivando collaborazioni con enti e istituti di ricerca.

La creazione del Centro dati è stata avviata nel corso del 2017 ed è attualmente in fase di studio preliminare e predisposizione, in stretta collaborazione con Regione Lombardia (DG Ambiente e DG Territorio) e con UNIMI – DiSAA per quanto riguarda i contenuti scientifici.