APP ACQUAVIVA BURANA PER LA GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA

È la Giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo la ricorrenza che ha scelto la Bonifica Burana per lanciare la nuova App AcquaViva Burana, prima a permettere di navigare, in modo gratuito, nella mappa di tutti i canali e impianti di bonifica disseminati nel territorio di competenza. 242.521 ettari di comprensorio ricadente su tre regioni (Emilia-Romagna, Lombardia, Toscana), cinque province (Modena, Bologna, Mantova, Ferrara e Pistoia), 53 comuni: questi sono i numeri che inquadrano il territorio in cui opera l’Ente; qui si occupa della gestione di 2.400 chilometri di canali, 55 impianti idrovori, 1 cassa di espansione, più di 2.000 manufatti di regolazione delle acque sia tramite controllo automatico da remoto – grazie all’impiego di 88 stazioni di telerilevamento – sia grazie al lavoro quotidiano di sorveglianza di tecnici e guardiani dislocati su tutto il comprensorio.

Nell’anno del turismo di prossimità e della scoperta della natura dietro casa il Consorzio della Bonifica Burana rende disponibile uno strumento di divulgazione della geografia dei luoghi vicino a noi.

Abbiamo trovato in AcquaViva il contenitore giusto per trasferire le informazioni di cui disponevamo, in modo semplice da usare, intuitivo e di cui siamo orgogliosi di essere i capofila – ha dichiarato il Presidente Francesco Vincenzi – La pandemia ci ha insegnato a valorizzare il territorio dietro casa e un telefono in tasca ormai l’abbiamo tutti. Da oggi, camminando, si potrà aprire l’app e scoprire che quella Botte che vediamo ogni giorno passando da Bondeno è stata voluta niente meno che da Napoleone, che quel canale che costeggiamo quando facciamo una passeggiata con il cane si chiama “Diversivo di Burana”, è lungo quasi 38 chilometri e da San Possidonio arriva fino al Panaro a Bondeno, o che a Riolunato il Rio Castello è stato oggetto di un intervento di manutenzione nel 2017. Già perché non c’è solo la pianura nell’App, dato che tra i compiti più recenti della bonifica c’è anche la difesa del suolo in montagna: sono stati inseriti anche tutti gli interventi del Burana dalla zona a sud di Modena fino all’Abetone, confine meridionale del comprensorio. Siamo sicuri che questo strumento, totalmente gratuito, troverà un riscontro positivo nei tanti appassionati di storia locale o anche nei semplici curiosi, potendo inoltre scegliere se utilizzarlo durante una passeggiata o stando comodamente seduti a casa”.

Per saperne di più

    2021-03-25T13:04:59+00:0019 Marzo, 2021|
    Torna in cima