Eletti gli amministratori del consorzio Burana per il mandato 2021-25

Si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione del Consorzio della Bonifica Burana designato dalle elezioni consortili tenute in dicembre 2020. Il mandato ha validità per il quinquennio 2021-2025.
Confermato alla guida il Presidente Francesco Vincenzi, imprenditore agricolo di Mirandola e Presidente di ANBI.
Sono stati eletti anche i componenti del Comitato Amministrativo: Francesco Vincenzi, Presidente; Luigi Maccaferri, Vice Presidente e rappresentante all’interno del C.E.R.; Manuel Quattrini, Vice Presidente; Luca Borsari e Fausto Mantovani.

Le sfide che ci vedono coinvolti – ha affermato il Presidente Francesco Vincenzi – sono tante, a partire dal ripristino dei danni della recente rotta di Panaro, che ha di fatto riversato nel reticolo di bonifica di pianura milioni di metri cubi di acqua, fango e detriti e creando danni. Questo accanto all’attività ordinaria di manutenzione di impianti e canali che avviene purtroppo sempre più in condizioni di straordinarietà. L’emergenza climatica ha reso la programmazione e l’alternanza delle stagioni di bonifica sempre più sfumate l’una nell’altra, con incursioni di piogge torrenziali e periodi siccitosi in ogni momento dell’anno; ci stiamo adoperando per la progettazione e la messa in opera di nuovi sistemi idraulici sempre più efficienti per rispondere alle sfide attraverso la prevenzione. Possiamo dunque trovare la sintesi in 4 obiettivi di medio termine: soddisfare i bisogni alimentari primari ed essere sempre più autosufficienti a livello italiano (mai come nell’anno appena trascorso è emersa la necessità di sostenere la produzione agricola interna) accompagnando l’agricoltura nella sfida della sostenibilità sul tema dell’acqua e alla transazione ecologica; giocare in anticipo nella lotta al dissesto idrogeologico per la salvaguardia del territorio montano così da favorire gli insediamenti umani e contrastare l’abbandono; operare in sinergia con gli altri Enti (Regione Emilia-Romagna, AIPO, Comuni, ecc.) per ridurre il rischio idraulico nel comprensorio; riuscire nella sfida di aggiudicarsi e spendere le risorse rese disponibili dal pacchetto Next Generation EU anche nel nostro territorio. Il tutto in soluzione di continuità con le precedenti amministrazioni – che colgo l’occasione per ringraziare per quanto svolto fino ad ora -, e augurando ai nuovi insediati buon lavoro. In un contesto esterno – sanitario ed economico – gravato da grande incertezza, possiamo affermare con orgoglio che il Consorzio che consegniamo ai nuovi amministratori è solido dal punto di vista economico e tecnico

    2021-02-17T15:37:15+00:00 febbraio 17th, 2021|